Cartelloni pubblicitari: sei sicuro del loro risultato?

cartellone-pubblicitario-nella-stazione-di-milano

I cartelloni pubblicitari probabilmente sono gli strumenti di comunicazione più “antichi” che esistano.

Il fatto che sia uno strumento “antico” non significa però che sia vecchio, passato di moda.

Significa solo che con la “globalizzazione”, i cartelloni pubblicitari ha trovato posto in luoghi che fino ad ora non era nemmeno pensabile potesse essere posizionato.

Quello che vedi nella foto è posizionato nella stazione di Milano Centrale e devo essere sincero, ce ne ho messo di tempo per metterlo a fuoco.

Si, perchè quando scendi dal treno (sono spesso a Ilano per lavoro), l’ultima cosa a cui penso è alzare la testa per guardare il soffitto della stazione, tanto meno per guardare le pubblicità che sono appese su quella parete.

Telefono in mano per cercare il luogo dove ci si deve recare, messaggio per comunicare alla persona che si sta per incontrare che sono in arrivo, riorganizzare le idee per l’appuntamento. Ma niente, nemmeno un pensiero a guardare in alto.

Mi dirai: “ma allora come hai fatto a vedere e quindi fotografare questo cartelone pubblicitario?”


Semplice, stavo aspettando un collega che doveva prendere il mio stesso treno e che era in ritardo, quindi guardando in direzione dell'ingresso ai binari, ho notato il cartellone e fatto la rilessione che ti vado a descrivere di seguito.

Ero passato già in stazione il giorno prima, arrivando con il treno, ma non mi ero accorto del cartellone, chi può sapere quanto tempo c'è rimasto prima che io lo notassi.....

Per cui faccio la foto e la condivido, per scherzo, con un amico con cui porto avanti www.retartufo.it e che in più occasioni mi ha "pizzicato" dicendo "dobbiamo fare i cartelloni pubblicitari" ..... fermo, anche la mia era una provocazione ...... infatti nel messaggio avevo scritto proprio

"che ne dici? come cartellone può bastare?"

La sua risposta al mio messaggio è stata l'immagine che trovi sotto:

cartellone pubblicitario di retartufo.it nella stazione di Milano

Non c'e' che dire, l'idea è allettante, ma a me che piace essere di aiuto ai miei Clienti, mi viene subito l'esigenza di fare due conti, si, per capire quanto permetterebbe di guadagnare un cartellone come questo.

Gli stessi conti li voglio condividere con te, proprio per farti capire che se dietro ad un progetto esiste una vera strategia, allora si possono fare anche i cartelloni pubblicitari nella stazione di Milano (o dove altro preferisci, sia bene inteso).

Cominciamo a fare dele supposizioni, non conosco i veri prezzi del prodotto cartellone, ma ci proviamo:
- Studio grafico del cartellone --> 10.000 €
- Set fotografico per la realizzazione della campagna --> 5.000 €
- Stampa su supporto adeguato a resistere 5.000 €
- Affissione e montaggio --> 1.000 €
siamo già a VENTUNOMILA euro, e ancora non è passato un solo giorno di campagna del cartellone, cioè, ancora non lo ha visto nessuno, se non tu e il tuo grafico ..... e magari qualche amico al quale hai avuto modo di mostrarlo.

Ora comincia il cinema più importante ........ quanto potrà mai chiedere Grandi Stazioni per permetterti di appendere un cartellone di queste dimensioni in una loro stazione?

Quando gli farei presente che sono tanti soldi la risposta sarà: "si ma nella stazione centrale di Milano ci passano ogni giorno più di 320.000 persone" (trovi le informazioni su wikipedia e qui).

Per questa marea di "potenziali clienti" (lo scrivo fra virgolette perchè voglio sottolineare proprio il potenziali) quindi mi aspetto che la cifra per mostrare il tuo messaggio a tutti non sia proprio bassa, ma siamo ottimisti e diciamo 1.000 € al giorno? (ripeto sono stato ottimista, ma molto ottimista)

Visti i numeri visti i costi, si presume che tu farai affari con tutti questi passeggeri ......

Ti voglio però ricordare che io non l'avevo visto questo cartellone, e visto che ci passo spesso, mi sono chiesto se anche le altre persone che erano con me lo avessero visto ed ho provato ad osservare 😉

Come ti dicevo all'inizio, pochissimi guardano in alto, pochissimi sono in stazione per diletto, tutti guardano il telefono, chiamano e fanno altre cose per loro più importanti in quel momento. L'ultima cosa che pensano è propio di guardare il cartelone .....

Quindi ti dico: se hai pochi fondi e vuoi intraprendere una strategia di comunicazione, sei sicuro che vuoi gettare in pasto ai pesci un'esca che potrebbe non piacergli?

Seguimi che mi spiego meglio: come ti dicevo il traffico di passeggeri giornaliero è di circa 320 mila persone, ma di queste, quante sono in target per il tuo prodotto?

Non possiamo dire che visto che sono abiti uomo, donna, bambino, prodotti per la casa ecc si possa vendere a tutti, o almeno, non con lo stesso messaggio!

Non credo che tu non abbia fatto un'analisi del pubblico a cui ti stai rivolgendo, ma non credo che siano tutti quelli che passano per la stazione di Milano Centrale!

Proprio per questo direi che ogni tipo di Cliente ha un messaggio specifico:

  • uomo che si occupa di business
  • studentessa
  • donna che lavora in ufficio
  • mamma con figli
  • turisti (di vario tipo)
  • ecc.....

Ognuno di questi possibili fruitori della stazione ha un modo diverso di acquistare, di scegliere, e suppongo che anche tu sia daccordo con me che non puoi rivolgerti a tutti con lo stesso messaggio ......

Con le stesse cifre e un target ben preciso al quale comunicare il giusto messaggio sarai sicuramente facilitato nel fare in modo che i Clienti arrivino a te.

Ricorda: studia il tuo target e scegli la giusta strategia, i giusti Clienti arrivano!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *